Firenze… da vivere

Standard

Lo ammetto, sono innamorata dell’Italia. Viverci non è facile, ma volete mettere la fortuna di vivere in uno dei Paesi più belli del mondo? Quante città da scoprire, mari, montagne (le Dolomiti!), laghi, valli e isole, oltre ad un immenso patrimonio culturale che a volte, ahimé, non sappiamo valorizzare completamente.

Proprio per la nostra Grande Bellezza, se mi chiedessero di trasferirmi, ci sarebbero tante città dove mi troverei a mio agio: Verona, Bologna, Firenze… ah, Firenze. Ci sono stata tante volte, per motivi di svago e per lavoro, ma ci torno ogni volta con piacere. Perché Firenze è semplicemente bella.

Firenze

Non so se sia il fatto che qui nacque e visse Dante (a mio dire un vero genio), o se sia quel clima di eterna bellezza che pervade mentre si cammina lungo l’Arno, in Piazza della Signoria, su Ponte Vecchio: a Firenze mi trasferirei domani.
Cosa da sottovalutare, poi, Firenze non è una città da bollino rosso per il portafoglio. Chiaro, viverci o studiare a Firenze non costa poco, ma ci sono tanti trucchi per risparmiare e godersi la vita in una delle città più famose d’Italia.

Partiamo dalle basi: l’alloggio. Nelle grandi città non è facile trovare casa, ma nemmeno nelle piccole: ve lo dice una che ad Erlangen, una cittadina della Germania, ha traslocato 3 volte in 5 mesi, abitando qua e là perché non si trovavano stanze o appartamenti disponibili. Per questo gli studenti italiani o Erasmus che vengono a studiare in una delle Università più prestigiose del Bel Paese e che sono in cerca di un alloggio a Firenze possono affidarsi a Uniplaces, un servizio che offre la possibilità di trovare e prenotare alloggi per un medio o lungo periodo in maniera rapida e semplice. Se l’avessero inventato prima, lo avrei certamente utilizzato! Sulla piattaforma sono presenti tantissime città in Italia ed in Europa, e le proposte offrono soluzioni per tutte le tasche. A Firenze si possono trovare oltre 160 appartamenti disponibili, da piccoli studi e monolocali fino ad appartamenti decisamente più grandi, in diverse zone della città.

Firenze Piazza della SignoriaAnche mangiare a Firenze senza spendere un capitale non è un grande dilemma: ci sono tantissimi posticini dove trovare piatti della tradizione fiorentina a prezzi più che ragionevoli. Io sono innamorata del Mosto Dolce, un locale con ottima cucina e deliziose birre artigianali, ma anche al Mercato Centrale si può trovare di tutto a prezzi abbordabili, per non parlare della mitica Focacceria Bondi poco distante.

Non da ultimo, l’offerta culturale di Firenze è veramente ampia: basta visitare il centro della città per accorgersene. Si resta a bocca aperta davanti alla maestosità della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, del Duomo, del Campanile di Giotto e del Battistero: opere di ingegno che valgono almeno una visita. Per risparmiare conviene acquistare il biglietto complessivo, che permette di evitare anche le code ad ogni cassa e comprende anche la Chiesa della Santissima Annunziata.

Oltre a queste meraviglie, vivere in una città come Firenze permette di ammirare ogni giorno opere come Piazza della Signoria, Palazzo Vecchio e la Loggia dei Lanzi, la Chiesa di Santa Croce, attraversare il celeberrimo Ponte Vecchio con il corridoio vasariano, ovvero il passaggio segreto dei Medici quand’erano signori di Firenze. E ancora si può chiacchierare davanti a Palazzo Pitti, nel Giardino di Boboli, davanti alla chiesa di Santo Spirito, appena al di là di Ponte Vecchio. Nel tempo libero, vale la pena vedere i principali musei, che sono a pagamento ma meritano una visita: la Galleria dell’Accademia e gli Uffizi, oltre alle mostre di Palazzo Pitti ed alla famosa Casa di Dante.

Per godersi una vista gratuita sulla città, basterà salire ai piani superiori della particolare Chiesa di Orsanmichele, mezza chiesa e mezzo granaio, definita il monumento più fiorentino di Firenze.
Anche la stazione di Santa Maria Novella, punto di arrivo di quasi tutti gli studenti in città, è già di suo un’attrazione da vedere, con la sua architettura razionalista italiana. Naturalmente una visita alla vicina Chiesa di Santa Maria Novella è d’obbligo.

Potrei andare avanti per ore, perché le cose da vedere a Firenze sono tantissime! Anche per questo motivo mi ci trasferirei, per riempirmi quotidianamente gli occhi di bellezza. Per questo vivere e studiare a Firenze è un’ottima idea: si può visitare con più calma tutto ciò che la città offre, oltre che vivere e respirare l’atmosfera fiorentina.

Anche i dintorni di Firenze sono tutti da scoprire: borghi come Vinci, Certaldo, Montecatini Terme, sono tutte chicche da gita giornaliera, che io ho piacevolmente scoperto qualche anno fa.

E voi, in che città speciale avete studiato? E dove vi trasferireste domani, se ve lo chiedessero? Raccontatemelo nei commenti! 🙂

Post in collaborazione con Uniplaces

Annunci

La sostenibile leggerezza del viaggio

Standard

In occasione dell’arrivo a Rovereto della mostra fotografica di viaggio “Il Giro del Mondo in 80 blogger” ho conosciuto personalmente Eliana Lazzareschi Belloni, autrice di “La sostenibile leggerezza del viaggio. Guida-diario per un turismo sostenibile“.
Durante la serata organizzata all’interno di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile, io e lei abbiamo fatto due chiacchiere “green”, per raccontare ai visitatori della mostra ed ai curiosi presenti all’evento come si può fare per viaggiare più ecologicamente e responsabilmente.

intervista Chiara ed Eliana

Io ed Eliana durante la chiacchierata a Smart Lab, dov’è allestita la mostra “Il Giro del Mondo in 80 blogger”

Proprio il festival del turismo responsabile IT.A.CÀ, nelle sue varie tappe in tutta Italia, ci invita a riconsiderare il viaggio non più solo come semplice vacanza, ma come un’esperienza capace di soddisfare il desiderio di conoscenza e scoperta del mondo, vicino e lontano da casa. Un’esperienza che trasforma il turista in un residente temporaneo, perché si sente parte del luogo che sta visitando. Ed è proprio quello che cerca di fare Eliana nei suoi viaggi, con accorgimenti ed abitudini che le permettono di spostarsi, mangiare e visitare in modo responsabile ed eco-compatibile.

La sostenibile leggerezza del viaggioLa prima parte del suo libro affronta diversi punti, dando un utile vademecum ricco di consigli pratici per un viaggio sostenibile: dalla meta scelta, alle strutture da privilegiare, dalle modalità di trasporto alle occasioni per aiutare lo sviluppo locale, come il fatto di provare i piatti e la cucina del luogo. E ancora, quali buone abitudini adottare in viaggio, come stare a contatto con la natura, come affinare il proprio spirito di adattabilità.
Nella sua guida-diario per un turismo sostenibile Eliana dà anche parametri utili per valutare l’effettiva eco-compatibilità di una struttura e di una destinazione, come la gestione dei prodotti alimentari, dell’acqua, dell’energia, dei rifiuti e dei trasporti.

Un intero capitolo è dedicato alle risorse per viaggiare in maniera sostenibile: siti dedicati alle strutture eco-friendly, alla mobilità sostenibile, all’ospitalità ed al volontariato, fino ai viaggi spirituali. Si trovano tantissimi spunti per viaggiare in modo responsabile ed anche low cost!
La prima parte si conclude con una sezione dedicata ai luoghi danneggiati dal turismo di massa (quante fitte al cuore, per luoghi che vorrei vedere almeno una volta nella vita, ma senza danneggiarli ulteriormente) allo sfruttamento animale nel turismo, mettendo in luce tante situazioni in cui l’uomo, per ignoranza o per soldi, abusa degli animali per compiacere i turisti, spesso ignari di tutto ciò che sta dietro questi business.

Eliana è una ragazza solare, grintosa e positiva: mentre racconta dei suoi viaggi pendiamo tutti dalle sue labbra, curiosi di conoscere le sue avventure. Lo stesso avviene leggendo la seconda parte del suo libro, dedicata alle sue esperienze di viaggio lento e sostenibile del 2016: un fil rouge le lega le une alle altre, e non è solo il tema della sostenibilità. Certo, anche e soprattutto quello, dato che alla fine di ogni viaggio Eliana dà i voti alla propria esperienza, creando una mini-pagella per autovalutare quanto il suo viaggio sia stato eco-sostenibile. L’altro filone che lega questi cinque racconti di viaggio è il viaggio in solitaria: l’autrice è (quasi) sempre partita da sola, riscoprendo un modo di viaggiare che ora le appartiene. In viaggio da sola ha riscoperto lati di sé che prima non conosceva, e si è sentita più libera di stringere nuove amicizie e relazioni, lanciandosi senza paura in chiacchierate con sconosciuti ed in esperienze nuove come il Couchsurfing.

Quando Eliana parla del Couchsurfing, per l’ennesima volta, mi ritrovo nelle sue parole e nel suo spirito di viaggio.

Sono sempre stata affascinata dalla diversità, forse è proprio per questo motivo che quando viaggio mi piace stare a contatto con le persone del posto e apprendere di più sulla loro cultura, sulla loro storia e sul loro atteggiamento. Questo spirito e filosofia vengono abbracciati in toto dal couchsurfing. Affidarsi a perfetti sconosciuti è difficile, forse la cosa più complicata di tutte. Siamo abituati a diffidare e, anche quando ci accadono cose belle, rimaniamo involontariamente sulla difensiva. Spesso scatta un meccanismo psicologico implicito, come se non ci sentissimo davvero meritevoli di certe fortune o gioie, tanto da dover necessariamente cercare un lato oscuro o negativo.

In questo periodo di incertezze io ho deciso di ascoltare le storie belle che l’umanità ha da raccontarci, è il mio modo di reagire alla negatività. Ogni giorno ci sono persone che si conoscono in viaggio, relazioni umane che s’intrecciano in maniera spontanea, gente generosa che offre ospitalità a estranei senza aspettarsi nulla in cambio, solo per il piacere di conoscere gli altri, di donarsi, di interagire con loro. E questo è sempre accaduto: in antichità la gente usava ospitare pellegrini e raminghi e all’epoca non c’era internet, non ci si poteva informare sulle persone, non c’erano le referenze di altri ospitanti e ospiti.

Lo scambio gratuito è la cosa più bella che c’è dietro la filosofia di questa comunità e il progresso di internet, nonostante i suoi lati negativi, aiuta a diffonderne lo spirito.

Il libro è un condensato di consigli di eco-sostenibilità e di esperienze che mettono in pratica i principi del viaggio lento, sostenibile e responsabile. Un manuale che consiglio vivamente di leggere per cambiare il proprio punto di vista, in viaggio e non solo. Lo potete trovare qui, mentre a questo link trovate il blog di Eliana, Geco Travels (dall’unione della G di Geo, ECO di Ecologia ed O di Olismo).

Buon viaggio lento, sostenibile e responsabile a tutti! 🙂

Il Giro del Mondo in 80 blogger… a Rovereto

Standard
Il Giro del Mondo in 80 blogger… a Rovereto

La mostra fotografica di viaggio “Il Giro del Mondo in 80 blogger” arriva anche nella mia città, a Rovereto. Sono felice, emozionata e soddisfatta di poter accogliere questa iniziativa benefica nella Città della Pace, che ho potuto allestire grazie alla collaborazione di Visit Rovereto ed al sempre prezioso aiuto e supporto di Cristina di Crinviaggio.

Locandina 80 blogger Rovereto

Se non conoscete ancora Il giro del mondo in 80 blogger, vi racconto di cosa si tratta. La mostra comprende 80 singolari foto di viaggio di altrettanti travel blogger: 80 immagini che formano un itinerario per ammirare i luoghi più incredibili del mondo, in un percorso che parte da Rovereto per fare un viaggio attorno a tutta la terra. La mostra è già stata esposta a Padova a gennaio ed a Biella a luglio, ed è nata come iniziativa a sostegno della Onlus “Marta4Kids”, che raccoglie fondi per la fibrosi cistica. La Onlus è nata lo scorso anno dalla volontà di Christian Cappello, travel blogger bassanese e compagno di Marta Lazzarin, scomparsa a dicembre 2015 con il loro bimbo in grembo.

La mostra “Il Giro del Mondo in 80 blogger” è allestita nel salone di Smart Lab, il Centro Giovani di Rovereto, e viene inaugurata venerdì 22 settembre 2017 alle 20.30 con un brindisi e musica dal vivo.
All’interno della settimana trentina di IT.A.CÀ è organizzata inoltre una serata “slow”, giovedì 28 settembre a partire dalle 18.30: l’evento prevede una golosa apericena a base di sfiziosità culinarie con materie prime del territorio della Vallagarina, preparate dalla cucina solidale “Le Formichine”. La serata è accompagnata da musica dal vivo e prosegue con una chiacchierata green assieme ad Eliana Lazzareschi Belloni, travel blogger ed autrice di “La sostenibile leggerezza del viaggio. Guida-diario per un turismo sostenibile”. Nel contempo si potrà naturalmente visitare la mostra. La serata è completamente gratuita, apericena compresa, ma per motivi organizzativi è richiesta l’iscrizione, che si può fare facilmente a questo link.

Appunti, biglietti, ricordi rendono la mostra “Il Giro del Mondo in 80 blogger” interattiva: i visitatori possono partecipare con un loro contributo e diventare parte dell’esposizione stessa. L’ingresso è libero e le fotografie, gentilmente stampate da Ottica Immagini, sono acquistabili con una donazione alla Onlus “Marta4Kids”.
L’esposizione fotografica infatti ha come obiettivo quello di sensibilizzare alla bellezza del viaggio, specie se lento e responsabile, contribuendo al tempo stesso ad uno scopo benefico, ossia la raccolta di fondi per la Onlus “Marta4Kids”.

80 blogger Viaggiando s'impara

Il mio contributo per la mostra

Dopo l’inaugurazione di venerdì 22 settembre, la mostra rimane aperta da sabato 23 settembre a sabato 14 ottobre 2017 negli orari di apertura di Smart Lab (lunedì-venerdì 9.00 – 23.00, sabato 15.00 – 23.00/2.00).

Sabato 23 settembre inoltre è organizzato un Instameet alla scoperta dell’offerta culturale roveretana, gratuito ed aperto a tutti gli appassionati: basta registrarsi qui. I partecipanti potranno visitare i musei della città aderenti all’Instameet: la Fondazione Museo Civico, il Museo Storico Italiano della Guerra, il Mart, Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto e la Campana dei Caduti, con la sua vista panoramica sulla città e sulla Vallagarina. Gli Instagramers potranno inoltre fare networking durante i momenti del pranzo e del brindisi finale, offerti da Visit Rovereto in collaborazione con i musei.

“Il Giro del Mondo in 80 blogger” si inserisce all’interno di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile, in Trentino dal 25 settembre al 1 ottobre 2017. Coordinato dall’Associazione TassoBarbasso, la tappa trentina di IT.A.CÀ vede in calendario numerosi appuntamenti culturali sparsi su tutto il territorio provinciale, come presentazioni di libri, convegni, incontri, laboratori, cene, spettacoli, mostre ed itinerari a piedi, per riconsiderare il viaggio non più solo come semplice vacanza, ma come un’esperienza capace di soddisfare il desiderio di conoscenza e scoperta del mondo, vicino e lontano da casa. Un’esperienza che trasforma il turista in un residente temporaneo.

Qui trovate tutto il programma del Festival IT.A.CÀ Trentino, mentre tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulla mostra “Il giro del mondo in 80 blogger” vengono pubblicati sull’evento Facebook. Vi aspetto! 🙂

 

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze!”
Kostantin Kavafis

loghi-uniti.jpg

In Lambretta attraverso la Val d’Orcia

Standard
In Lambretta attraverso la Val d’Orcia

Amo la Toscana, in particolare la Val d’Orcia, e ci torno ogni volta che posso. Quest’estate ho viaggiato tra le colline senesi su un mezzo speciale: una Lambretta originale.

Il punto di partenza è Vintage Tours a Montepulciano, dove si possono noleggiare mezzi d’epoca come Vespe, Lambrette e Cinquecento. Ogni pezzo è uno spettacolo a sé, ma guidarlo attraverso le colline toscane è ancora meglio! Ci mettiamo un attimo a decidere il giro da fare: siamo ispirati dal giro del Lago Trasimeno e di Cortona, ma il richiamo della Val d’Orcia si fa più forte. Non sono mai sazia di quei panorami.

Lambretta in Val d'Orcia

Così partiamo per un itinerario dal sapore amarcord attraverso la Val di Chiana e la Val d’Orcia, a bordo di una mitica Lambretta 125 cc. La nostra prima meta è Montefollonico, minuscolo borgo medievale che ha mantenuto intatto nei secoli il suo grande patrimonio di tradizioni, colori e sapori. Da non perdere la Pieve di San Leonardo e le tre porte di accesso al borgo, rimaste intatte assieme ai sette torrioni. Dopo un rapido giro ed uno scambio di battute con una simpatica vecchietta del paese, ripartiamo rombando.

Seconda tappa: Torrita di Siena. In questo borgo dal fascino medievale nacque Ghino di Tacco, il “Robin Hood della Val d’Orcia” e Signore di Radicofani celebrato da Dante nella Divina Commedia e da Boccaccio nel Decameron. In Piazza Matteotti, fulcro della vita civile e religiosa del paese, si affacciano i tre edifici principali, che rappresentano la potestà militare con la Torre, quella civile con il duecentesco Palazzo Comunale e quella religiosa con la chiesa romanica di Santa Flora e Lucilla. In piazza si trova anche un’antica cisterna ed il Teatro Comunale degli Oscuri.

Montisi L’itinerario prosegue per Trequanda, con il Castello Cacciaconti e la sua torre cilindrica e la romanica chiesa dei Santi Pietro e Andrea. Un rapido giro in centro e ripartiamo per andare a caccia di un locale tipico, che la fame si fa sentire.

Pranziamo a Montisi, in un piccolo locale del centro chiamato Ritorno di Fiamma. I pici alle briciole e pancetta sono qualcosa di speciale! Il borgo è parte del comune di Montalcino, e custodisce alcune attrazioni come la pieve della Santissima Annunziata, la Torre dell’orologio, il Cassero, un tempo la residenza dei Signori di Montisi e la Grancia, una grande fattoria fortificata con il piccolo teatro. Ogni anno ad agosto nel borgo si celebra la Giostra di Simone, rievocazione di una giostra medievale in cui si scontrano le quattro contrade del paese (Castello, Piazza, San Martino e Torre), che ricorda l’assedio e la distruzione di Montisi alla fine del XIII secolo da parte del conte Simone di Rainuccio Cacciaconti.

Arrampicarsi con la Lambretta in ognuno di questi borghi rende tutto più pratico e divertente: su due ruote si arriva quasi dappertutto; trovare posteggio è facile e veloce, così come smontare per visitare i centri storici. Finito il giro, si riparte rapidamente e via, a sfrecciare sui nastri di strada e sui sentieri sterrati delle colline senesi, uno dei paesaggi più belli del mondo e patrimonio dell’UNESCO.

Nel pomeriggio ci imbattiamo in Castelmuzio, un delizioso borgo medioevale di origini etrusco-romane. Lasciamo la Lambretta poco fuori le mura del borgo e facciamo un rapido giro in centro storico, per scoprire Piazza San Bernardino da Siena, la Chiesa di Santa Maria Assunta e Palazzo Fratini, un tempo sede del giudice ed oggi ostello e ristorante.

Castelmuzio

Naturalmente non può mancare una tappa a Pienza, che fino al 1462 rimane un piccolo e semplice borgo chiamato Corsignano. Fu papa Pio II, a cui la città dette i natali, a mutarne il nome, ristrutturando radicalmente il borgo sullo stampo della città ideale del Rinascimento e rendendo così Pienza uno splendido centro urbano.
Sulla piazza principale si affacciano la Cattedrale, il Palazzo Comunale ed altri magnifici palazzi, mentre dietro il Duomo le mura corrono tutt’intorno al borgo, offrendo un panorama unico sulla Val d’Orcia. Accaldati dal sole d’agosto, ci rinfreschiamo con un frappè ed un gelato ai fichi e rosmarino al Buon Gusto, piccola gelateria dai gusti tutti particolari.

Le colline senesi conquistano noi e la Lambretta, che sembra divertirsi a cavalcarle. Così ci ritroviamo a Monticchiello, unica frazione del comune di Pienza. Anche qui è ben visibile lo stampo medievale del borgo, in cui ammiriamo l’antico castello, la Torre del Cassero, la pieve dei Santi Leonardo e Cristoforo e quella di Santa Maria dello Spino.
Questo borgo è particolarmente conosciuto per il Teatro Povero di Monticchiello, un progetto sociale e culturale nato negli anni ’60 in cui tutti gli abitanti sono autori ed attori degli spettacoli. Ogni estate i montichiellesi vanno “in piazza”, ossia in scena, per raccontare e raccontarsi, e non è raro che gli attori recitino se stessi. In questo modo gli abitanti del borgo recuperano e mantengono la propria identità culturale e sociale, in un teatro partecipato che resiste ai rapidi cambiamenti esterni.
PienzaOggi la Cooperativa del Teatro Povero di Monticchiello gestisce gran parte dei servizi all’interno del borgo come il museo Tepotratos, la Taverna di Bronzone ed un emporio-ufficio turistico all’interno di un ex-granaio della metà del Settecento, in cui entriamo per scoprirne di più su questo affascinante progetto.

Sulla via del ritorno facciamo sosta anche a Chianciano Terme, famosa per la sua stazione di cura termale da oltre duemila anni: le proprietà curative delle sue acque erano infatti note anche ad etruschi e romani. La parte antica della città è il nucleo originario di Chianciano, e le sue mura custodiscono il classico impianto urbano medievale con il Castello Manenti, la Torre dell’Orologio, il Palazzo del Podestà e la Collegiata.

Chiudiamo il cerchio con un giro a Montepulciano, “la perla del ‘500”. La Lambretta s’inerpica sul colle, ma non varca il centro storico. Proseguiamo a piedi, mentre i nostri occhi divorano la bellezza di quest’ennesimo borgo medievale. Salendo da via del Teatro si giunge all’improvviso in Piazza Grande. Restiamo a bocca aperta e ruotiamo su noi stessi, ammirando il Palazzo Comunale, il Palazzo Contucci, il Palazzo del Capitano ed il Palazzo dei Nobili.
Abbiamo diversi suggerimenti per cena, ma i ristoranti e le trattorie sono zeppi di turisti provenienti da ogni dove. Stiamo per tornare sui nostri passi quando, proprio ad un angolo di Piazza Grande, un piccolo locale attira la nostra attenzione col suo nome curioso, Compagni di Merende. Ci sediamo ad uno dei due tavolini esterni della Spuntineria, ascoltando le prove di qualche spettacolo estivo, e gustiamo ottime bruschette giganti ai pomodorini, tartufo ed un curioso quanto goloso abbinamento di cacio e marmellata di fragole.

Nonostante la calura di agosto, girovagare in Lambretta nei colli senesi e tra i borghi della Val d’Orcia e della Val di Chiana dà un senso di libertà unico. Pare quasi di disturbare, varcando le mura centenarie dei piccoli borghi medievali con il motore che schiamazza rombando: gli anziani seduti sull’uscio delle loro case ti seguono con lo sguardo, mentre i bimbi corrono a bordo strada con i loro palloni… finché non incontri i ragazzi, anche loro a bordo di Vespe anni ’60 che ti sorridono e ti fanno l’occhiolino. Allora capisci che qui va così, il turismo corre veloce così come fa il mondo, ma la vita nei borghi no, quella va più piano, in un inspiegabile gioco del tempo che ci regala l’illusione di piccoli centri medievali rimasti fermi nella storia.
Muoversi lentamente, in queste terre, è quasi d’obbligo. Il tachimetro della Lambretta pare impazzire, mentre si scorrazza tra i colli, come a volerci ricordare che forse stiamo correndo troppo e ci stiamo perdendo la meraviglia dei dintorni. Rallentiamo, respiriamo a fondo e ripartiamo piano, guardando in tutte le direzioni per goderci fino in fondo la Toscana.

Viaggiando in Lambretta in Toscana

Info: Vintage Tours noleggia mezzi d’epoca come Lambrette, Vespe e macchine di una volta per una o più giornate, sia a singoli che a gruppi, con chilometri illimitati. Nel prezzo sono inclusi la mappa del territorio e le bandane monouso per il sotto casco, oltre ad accessori in comodato d’uso come i caschi, giubbotti anti-pioggia, zaino, guanti, lucchetto e Walkie Talkie per i gruppi, per un’esperienza completamente vintage. Lo staff è molto disponibile e competente e la sede è a Montepulciano, splendida cittadina medievale da cui si possono raggiungere comodamente diverse città e borghi toscani.
Se volete provare l’ebbrezza di guidare una Vespa o una Lambretta tra i colli toscani, utilizzate il mio codice sconto 😉 Scaricate l’immagine e mostratela a Dario o Michele di Vintage Tours al momento del noleggio.

Piccola postilla: nei dintorni ci sono molti altri borghi che meritano una visita, o meglio un viaggio in Lambretta, tra cui Radicofani e la sua rocca (che vi racconterò meglio in un altro post) e Bagno Vignoni, con la sua particolare piazza d’acqua. Se passate da Bagno Vignoni non fatevi mancare una pausa golosa alla Spuntineria La Bottega di Cacio, dove assaggiare i formaggi ed i salumi del posto accompagnati da un bicchiere di buon vino.

Bagno Vignoni

Il mondo alla fine del mondo

Standard

Ho deciso di leggere questo libro semplicemente perché mi è arrivato per Natale. Non l’ho acquistato: mi è stato spedito grazie all’iniziativa “Babbo Natale segreto” del bellissimo gruppo Facebook Exploreading. La mia mittente ha pensato che potesse piacermi, ed ha indovinato. “Il mondo alla fine del mondo” è stato come un bicchiere di vino frizzante che è scivolato veloce, lasciandomi un piacevole ricordo.

Il romanzo di Luis Sepúlveda è ambientato in Cile: mentre mi immergevo sempre più a fondo tra le sue pagine, sognavo ad occhi aperti quelle terre che conoscerò prossimamente.

Il mondo alla fine del mondo

La storia si apre ad Amburgo, dove lavora il protagonista, in un’agenzia giornalistica collegata a Greenpeace ed impegnata in campo ecologico. Il reporter torna in Cile, il suo Paese d’origine, per scoprire cos’è successo alla nave fantasma giapponese Nishin Maru, una baleniera registrata ufficialmente come demolita. Nell’impresa lo aiutano una giovane attivista di Greenpeace e il capitano Nilssen, un uomo burbero ma dal cuore grande. Così ha inizio un viaggio attraverso mari insidiosi e glaciali, tra fiordi labirintici, pericolosi banchi di sabbia ed isole spazzate dai venti impetuosi, sotto il cielo livido della Terra del Fuoco.

Eccolo, il mondo alla fine del mondo: una storia ai confini della terra, in bilico tra l’oceano con le sue creature e le infinite distese di terre da proteggere. Una storia di reportage giornalistico, di tenacia e di coraggio per difendere questo pianeta.

Santiago del Cile. Ero felice ad Amburgo, ma continuavo a pensare ad un ritorno a Santiago. Ricordavo quella città come si fa con una fidanzata, e temevo di trovarla trasformata in una vecchietta rimbambita che rifiuta il passare degli anni. (…)

Arrivai a Puerto Montt assieme all’inverno. Non appena scesi dall’aereo sentii il gelido saluto del Pacifico. La temperatura era di pochi miserabili gradi sopra lo zero e la brezza pungeva il volto.

Il finale mi ha lasciata con con una curiosità non del tutto soddisfatta, e con una voglia di partire che ci ha messo un po’ per assopirsi. Lo consiglio vivamente agli amanti delle terre sconfinate e dei viaggi di scoperta.

Sole, piadine e mille sorrisi: la Romagna che sorprende

Standard

Chi dice che la riviera romagnola non ha molto da offrire si sbaglia di grosso. Ci sono stata in vacanza da piccola e quindi lego a questi luoghi tanti ricordi familiari dal sapore di sale, mare e tenerezza, ma ci sono tornata anche negli ultimi anni ed ogni volta ho portato via con me qualcosa di nuovo.

A giugno sono stata a Bellaria Igea Marina, ospite dell’eco-hotel San Salvador che ha organizzato il terzo #atSanSalvadorHotel, un appuntamento dedicato a scoprire la Romagna con la guida dei gestori della struttura, romagnoli doc. È stata l’occasione perfetta per immergermi nella cultura romagnola, fatta di cortesia, sincerità e sorrisi, di buona cucina e di località particolari.

San Leo - Viaggiando s'impara

Il borgo medievale di San Leo, nell’entroterra romagnolo

Il primo giorno siamo saliti in sella alle nostre biciclette per esplorare – pedalata dopo pedalata – il comune di Bellaria Igea Marina. Questo antico borgo marinaro è destinazione vacanziera dagli inizi del 1900, ed è una meta perfetta per chi ha voglia di rilassarsi, in particolar modo con la famiglia e con bimbi piccoli. Anche chi ama spostarsi può sceglierla come “base” per visitare le numerose città nei dintorni, da Rimini a Ravenna, da San Marino ad Urbino.

Abbiamo percorso alcuni tratti di pista ciclo-pedonale, che per diversi km si snoda lungo il fiume e giunge fino a San Mauro Pascoli. Dopo pochi minuti siamo arrivati al Parco del Gelso, immergendoci nei suoi 25 ettari divisi tra macchia mediterranea e lago. Il nome è dovuto ad un grande gelso collocato all’ingresso del parco, che era in piena maturazione e ci ha regalato more dolcissime.

Torre Saracena Bellaria Igea Marina

Pedalata dopo pedalata, abbiamo attraversato colorate ma tranquille viuzze nel centro cittadino, passando a fianco di locali di ogni tipo tra cui una fornita pescheria aderente ad “Ecoadria Fisherman“, un interessante progetto di pesca sostenibile e responsabile. Abbiamo quindi raggiunto il macello pubblico, struttura risalente al 1926 che oggi ospita “Noi. Museo della Storia e della Memoria di Bellaria Igea Marina”: un piccolo museo che contiene la memoria, i saperi e le tradizioni di questo territorio e delle sue genti.

Un’altra tappa è stata la Torre Saracena, eretta nel XVII secolo dai pescatori, con il vasto museo delle conchiglie presente al suo interno. La preparatissima guida ci ha spiegato che è possibile accordarsi per visite riservate o didattiche chiamando l’ufficio cultura del comune di Bellaria – Igea Marina al numero 0541 343747. Inoltre fino al 10 settembre i musei sono aperti anche in orario serale grazie all’iniziativa “Estate al museo“: un’occasione in più per vederli senza la calura diurna.

Siamo tornati verso l’Hotel San Salvador attraversando il centro e l’Isola dei Platani, la zona pedonale di Bellaria. Sosta golosa al “Puro & bio” per un gelato dai gusti particolari, poi per cena siamo stati deliziati dalla cuoca Mirella con i piatti della tradizione, preparati come sempre con prodotti locali dal sapore vivo.

San Leo

 

Il giorno successivo abbiamo fatto un viaggio nel passato, visitando San Leo e la sua fortezza medievale. San Leo, un tempo chiamata Montefeltro, è una cittadina situata su uno sperone di roccia, su cui si erge anche il forte rinascimentale. Il dominio della fortezza passò di famiglia in famiglia, tra cui quelle dei Malatesta e dei Montefeltro, fin quando nel 1631 la struttura divenne un carcere. Uno dei suoi prigionieri fu il conte di Cagliostro, alchimista ed esoterista che venne rinchiuso qui dopo essere stato condannato dalla Chiesa cattolica al carcere a vita per eresia. La sua cella – chiamata “il Pozzetto” e tutt’oggi visitabile – aveva una piccola finestra da cui si possono vedere solo le due chiese di San Leo: un velato invito alla riconversione, che non avvenne. Il conte infatti morì nel 1795 all’interno della fortezza.

San Salvador Hotel, Salvatore

Nel piccolo centro storico di San Leo si possono visitare il duomo in stile romanico, la pieve di Santa Maria Assunta, la torre campanaria ed il cinquecentesco palazzo mediceo, che contiene un museo d’arte sacra.
La nostra visita storico-culturale del borgo medievale è proseguita con un tono enogastronomico: all’interno del palazzo mediceo abbiamo assaggiato tutti i piatti tipici locali, cucinati dai diversi ristoranti di San Leo, tra cui gli strozzapreti con zucchine e salsiccia ed il coniglio in porchetta. Una goduria per il palato!

Nel pomeriggio Salvatore, il capofamiglia del San Salvador Hotel, ci ha portati nella casa di campagna per mostrarci tutti i prodotti che coltivano ed utilizzano poi per il menù. Fiori, frutta, verdura, cereali: tutto viene coltivato con passione e tanto impegno.
Rientrati in hotel, ci siamo cimentati con la cucina romagnola, mettendo le mani in pasta e preparando la piadina secondo la collaudata ricetta di Mirella. È talmente buona e semplice che non posso tenerla solo per me: eccovi tutto ciò che serve per preparare la piadina romagnola a casa vostra.

 

 

Ricetta della piadina di Mirella

Dosi per 4-6 persone:
♦ 1 kg di farina (io ho utilizzato la farina tipo 0 fatta con il grano di Salvatore e macinata qui)
♦ 20 grammi di sale
♦ 150 grammi di strutto
♦ mezzo cucchiaino di bicarbonato
♦ latte (o acqua) q.b. per amalgamare

Procedimento:
Lavorare lo strutto con la farina, aggiungere gli altri ingredienti ed amalgamarli bene tra loro. Lasciar riposare la pasta per mezz’ora in un sacchettino. Poi infarinare mani e spianatoia e stendere la pasta con l’aiuto di un mattarello.
Cuocerla in una padella dal fondo basso su entrambi i lati per 2 minuti, poi farcirla con salumi e formaggi a piacimento e gustarla ben calda.

Farina San Salvador Hotel

 

San Mauro Pascoli, casa Giovanni Pascoli

Il terzo giorno è iniziato con un’interessante visita al borgo di San Mauro Pascoli, sulle orme del poeta Giovanni Pascoli. La casa natale del grande poeta è un museo visitabile: dal 1924 è monumento nazionale ed è stata ristrutturata dopo la seconda guerra mondiale, che l’ha gravemente danneggiata. La cucina però è rimasta intatta e con il suo focolare racconta i primi anni di Giovanni Pascoli e la vita quotidiana della sua famiglia. Nelle poesie di Pascoli ritorna spesso il ricordo dell’infanzia a San Mauro, il forte legame con la famiglia e l’amore per la propria terra d’origine.

 

La nostra visita pascoliana è proseguita a Villa Torlonia, chiamata la Torre: il padre di Giovanni, Ruggero Pascoli, amministrò per un periodo la tenuta per il Principe Torlonia, fin quando venne ucciso in circostanze misteriose il 10 agosto 1867. La villa è una grande struttura romagnola del XVII/XVIII secolo con numerose stanze decorate con motivi di volta in volta diversi. Ai lati della villa si trovano due costruzioni minori, l’abitazione del fattore (quindi anche della famiglia Pascoli tra il 1862 ed il 1867) e la chiesetta dei Santissimi Pietro e Paolo, dalle origini più antiche.

San Mauro Pascoli, la Torre

 

Nel pomeriggio l’atmosfera è completamente cambiata: ci siamo lanciati all’avventura nello SkyPark Perticara, sul Monte Aquilone di Novafeltria. Ero già stata in un parco avventura, ma questo è molto più grande, con 18 percorsi differenti per difficoltà ed altezza (fino a quello più difficile, il NeroPlus), più di 120 passaggi da affrontare sospesi tra gli alberi ed oltre 1 km di avventura. Anche i bambini possono divertirsi nel verde, con percorsi particolari dedicati a loro. Alla sicurezza ed alle istruzioni per l’uso pensano i simpaticissimi istruttori del parco, che all’inizio dell’avventura fanno un breve briefing informativo.
Sky Park Perticara - Viaggiando s'imparaInutile dire che mi sono divertita come una pazza, imitando (malamente) Jane e lanciandomi tra gli alberi su liane, ponti e corde sospese.

Sono stati 3 giorni intensi ma anche estremamente coinvolgenti, questo per le numerose attività che la riviera e l’entroterra romagnoli propongono ma anche per la strepitosa accoglienza dell’Hotel San Salvador e del suo personale, in primis Tonia, Federico, Sabrina e Stefano. Ho apprezzato in particolar modo questo hotel sia per la gestione familiare, che dà quel tocco di personalizzazione e di cura anche in una struttura alberghiera, sia perché l’Hotel San Salvador è una struttura eco-friendly. Oltre alle buone abitudini di risparmio di acqua ed energia e di riciclaggio dei rifiuti, negli ultimi anni sono stati fatti diversi interventi per migliorare la coibentazione termica dell’intero edificio e sono state utilizzare alcune vernici foto-catalitiche in grado di assorbire ed eliminare l’anidride carbonica.
Al bar dell’hotel è presente un erogatore di acqua alcalina ionizzata, a cui ci si può rifornire quante volte si vuole con l’apposita borraccia a disposizione degli ospiti.
I piatti che vengono preparati all’Hotel San Salvador utilizzano farina, riso, olio, frutta e verdura biologici o coltivati con metodi a basso impatto ambientale, e spesso coincidono con i prodotti della casa di campagna familiare, dove nonno Salvatore cura personalmente le coltivazioni.

Una scelta che stiamo portando avanti con successo da tempo perché siamo convinti che bastino poche piccole attenzioni per preservare la bellezza e la salute del nostro territorio.

La Romagna è così ricca di tesori da scoprire che tornerò ancora. Una vacanza all’Hotel San Salvador unisce mare, cultura e buona tavola con l’accoglienza tipica romagnola, la genuinità dei prodotti locali e la semplicità di una struttura che ha a cuore l’ambiente.

Fortezza San Leo - Viaggiando s'impara

Lamezia Milano

Video

Incredibilmente è volato anche giugno. Questo mese ho viaggiato, ho fatto corsi, ho lavorato, ho corso di continuo, ma sono felice di questa vita in movimento. Mi sento molto vicina a questa canzone che passa in radio ultimamente e mi accompagna in macchina e in treno 🙂

Lamezia Milano andata e ritorno
Mi sveglio la mattina e nemmeno mi ricordo
Dov’ero fino a ieri cosa ho mangiato a cena
Perché mi prude il culo e mi fa male la schiena
Lamezia Milano valigia e biglietto
Lo spazio in aereo sembra sempre più stretto
C’è gente che ride per l’applauso al pilota
Io vedo solamente attaccamento alla vita
Alla vita

Con il terrore di una guerra Santa
E l’Occidente chiuso in una banca
Io me ne vado in settimana bianca
Bianca
Con la metropoli che ancora incanta
E la provincia ferma agli anni Ottanta
L’Italia sventola bandiera bianca
E canta, e canta

Lamezia Milano andata e ritorno
La vita di coppia non è come un video porno
La signorina Google mi dice dove andare
Entrando a gamba tesa sulla voce di mia madre
Lamezia Milano è un viaggio pazzesco
Da nonno Michele a mio nipote Francesco
C’è un lupo della Sila fra i piccioni del Duomo
C’è un vecchio ragazzino dentro il corpo di un uomo
Di un uomo

Con il terrore di una guerra santa
E l’Occidente chiuso in una banca
Io me ne vado in settimana bianca
Bianca
Con la metropoli che ancora incanta
E la provincia ferma agli anni Ottanta
L’Italia sventola bandiera bianca
E canta, e canta

Non riesco più a vedere
La differenza, se c’è
Fra la vita reale e la vita cellulare

Con il terrore di una guerra Santa
E l’Occidente chiuso in una banca
Io me ne vado in settimana bianca
Bianca
Con la metropoli che ancora incanta
E la provincia ferma agli anni Ottanta
L’Italia sventola bandiera bianca
E canta, e canta
E canta
E canta

Lamezia Milano, Brunori Sas