Perdersi… per ritrovarsi

Standard

Qualche giorno fa mi è successa una cosa strana. “Magari non sono l’unica”, è il pensiero che è passato nella mia testa, così ho meditato che avrei potuto condividere l’esperienza attraverso il mio blog.

travel lostVi capita di perdervi incoscientemente in un luogo? Non si tratta di perdersi in una città perché si è senza cartina (esperienza meravigliosa, tra l’altro, perché permette di scoprire posti spesso sconosciuti). Mi spiego meglio: si rimane per un certo periodo di tempo in un posto preciso, che sia esso una stanza, una piazza o un angolo di una città, ci si perde nei propri pensieri e dopo un attimo (che magari non dura solo alcuni secondi, ma anche minuti, oppure ore) si solleva lo sguardo, si cambia ottica, ci si guarda attorno e PAF!

Lo spaesamento più completo.

Dove sono?

Ecco, ciò mi è successo un paio di settimane fa a Verona, all’interno di un bel palazzo di piazzetta Serego. È tarda mattina, e sono profondamente immersa nei miei pensieri. Ad un certo punto guardo fuori dalla finestra e sono sicura di essere a Rovereto, la mia città natale. I muri e gli edifici che vedo attraverso il vetro sono gli stessi del centro storico roveretano. Quella manciata di secondi che impiego a realizzare che non mi trovo a Rovereto, ma nemmeno a Venezia, dove vivo da un paio di mesi, durano un’infinità. Quando prendo atto che nella realtà mi trovo nel palazzo veronese, la prima sensazione è il disorientamento. A questo effetto però subentra immediatamente un’emozione positiva: non mi sento per nulla sperduta. Ho messo radici in tanti posti diversi che ora dentro di me percepisco come familiari; così probabilmente il mio cervello, confuso, sovrappone immagini anche diverse tra loro.

Da questa strana avventura di emozioni, vissuta nel giro di qualche minuto, è nata questa mia riflessione, perché mi sono spaventata di provare in un primo momento quel senso di disorientamento. Invece è così bello realizzare che è tutto il contrario, proprio perché mi sento cittadina del mondo.

A voi è mai successa una cosa simile? Raccontatemelo nei commenti!

Annunci

Informazioni su Kia (Chiara Ruggeri)

Gitana che sogna di fare della sua passione, il viaggio, una professione (la reporter o blogger di viaggio), sono una ragazza curiosa che ha girato e vissuto una parte del pianeta Terra, ma a cui manca ancora molto da vedere. Credo che la diversità che mi circonda sia una meravigliosa ricchezza, e che l’incontro con persone e culture altre da me possano farmi crescere ed aprirmi nuovi orizzonti. Oltre al viaggio, amo scrivere, adoro la musica, la fotografia ed il buon cibo. In particolare, mi affascina il turismo sostenibile e responsabile, perché lo considero un ottimo modo di viaggiare facendo del bene: a noi, al luogo che visitiamo ed alla gente che vi abita. Sono fermamente convinta che fare turismo responsabilmente significhi comportarsi da viaggiatore e non da semplice turista. Dal 2012 racconto di Paesi, di turismo e di viaggi nel mio blog "Viaggiando s'impara". Dai un'occhiata al mio blog e sentiti libero/a di lasciarmi un commento oppure di scrivermi una mail! :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...