Venezia è un pesce

Standard

Venezia è un pesce. Guardala su una carta geografica. Assomiglia a una sogliola colossale distesa sul fondo. (…) Sulla cartina geografica, il ponte che la collega alla terraferma somiglia a una lenza: sembra che Venezia abbia abboccato all’amo. È legata a doppio filo: binario d’acciaio e fettuccia d’asfalto”. Con queste parole Tiziano Scarpa, un veneziano doc, inizia la sua guida alternativa alla città: è una guida diversa dalle altre, perché accompagna il turista alla scoperta dei luoghi autentici attraverso un’esperienza che abbraccia tutti i sensi. Su questa scia, i capitoli del libro analizzano la città a partire da una diversa parte del corpo.

Venezia è un pesce. Una guidaSi parte dai piedi, che portano il lettore-visitatore per le calli e nel labirinto del pesce: “Perché vuoi combattere contro il labirinto? Assecondalo, per una volta. Non preoccuparti, lascia che sia la strada a decidere da sola il tuo percorso, e non il percorso a farti scegliere le strade. Impara a vagare, a vagabondare. Disorientati. Bighellona.” Vale davvero la pena girare a caso, per scovare posti mai immaginati prima e rimanere a bocca aperta. Si scoprono monumenti spettacolari, e si calpestano pietre che hanno visto scorrere la storia. Del resto “Venezia è piccola, puoi permetterti di perderti senza mai uscirne davvero.”

Scarpa passa dai piedi alle gambe, facendo notare che la fisionomia di Venezia permette al corpo di tenersi in forma salendo, scendendo, affrontando scalini, ponti e fondamenta, e mantenendo l’equilibrio ovunque, persino sul vaporetto ed in gondola, ma soprattutto camminando, perché l’unico mezzo di trasporto tra le calli sono proprio loro, le gambe.

Ed ecco che, palpitante, arriva il capitolo sul cuore: gli innamoramenti avvengono più facilmente a Venezia? O ci si innamora della città? Lo scrittore porta variegati esempi di personaggi che nella città hanno lasciato il cuore, personalità che Venezia appassiona follemente o in cui trovano la pace dei sensi. Ma poi arriva il bello: un decalogo di tutti i posti dove appartarsi con il proprio amato, corredato da esempi e storielle varie… un vero spasso!

Il capitolo sulle mani tocca tutte le materialità di Venezia, e tra le balaustre dei ponti, le pareti strette di una calle, le corde del vaporetto, i gatti pelosi e le gomme da masticare si attraversa poco a poco tutta la città.

Il volto è lo spunto per una spiegazione diversa delle tradizioni del carnevale e delle maschere veneziane, anche nel senso metaforico del termine. Ma Venezia resta “una città dove non esiste la privacy.”

Le sirene dell’acqua alta, il rombo dei vaporetti, le campane, lo strido dei gabbiani… il capitolo dedicato alle orecchie è un remix di suoni. “Chiudi gli occhi camminando: ascolta la babele delle lingue dei turisti di tutto il mondo concentrati lungo cinquanta metri di calle.”

Al capitolo sulla bocca mi viene fame: i rimandi alle osterie ed ai bàcari sono troppi! Spriz (e dire che io ho sempre scritto spritz!), cichéti e una carrellata di sapori di Venezia da far venire l’acquolina in bocca. Ma la bocca serve anche a parlare, e Scarpa tenta di insegnare alla lettrice a parlare il dialetto veneziano: risulta impossibile non provare le pronunce trascritte nel libro!

Sembra di respirare la città leggendo la parte dedicata al naso, con i suoi profumi, odori e puzze. Ciò che Scarpa chiama “la personalità di ogni rio” è, nella realtà, l’odore del canale, del pesce fresco, e di altri angoli di città che l’autore svela tra una curiosità ed una storiella. C’è spazio anche per ricordare i giochi che faceva da bambino, che inserisce qui perché “sono scomparsi, ne resta solo il fantasma, lo spirito. E i fantasmi si sentono con il naso. Gli spiriti si inspirano e si espirano.” E Venezia è colma di fantasmi.

L’ultimo senso, in una scarica che attraversa il corpo dalla base fino alla testa, è la vista. Gli occhi sono il mezzo con cui ammiriamo la bellezza della città, le sue meraviglie, ed allo stesso tempo veniamo folgorati, storditi. Altro che sindrome di Stendhal: Scarpa parla di “facciate nucleari”! Dopo il fondamentale glossario che spiega le differenze tra strada, vie, liste, calli, salizade e rio terà, fondamenta, piazza e campi, campielli, ponti e canali, corti e sotoporteghi, l’autore racconta la storia dei nissioéti, i “fazzoletti”, i cartelli che portano il nome delle varie arterie di Venezia.

th_203Il libro ha un’appendice di consigli su testi che affrontano Venezia, tanti suggerimenti diversi dell’autore sempre richiamando ogni parte del corpo adattata alla fisionomia di Venezia. Infine, cinque brevi racconti con la città protagonista: una microantologia che funge da coda a questo splendido libretto.

Scarpa riesce nell’intento di scrivere qualcosa di nuovo, a dare una nuova prospettiva con una guida diversa da tutto ciò che è già stato scritto sulla città. Non ci sono itinerari, non c’è nessuna spiegazione di monumenti o attrazioni, non ci sono né mappe né tantomeno immagini o foto. E devo dire che, se non si è mai stati in questa città, è difficile immaginare i luoghi solo leggendo le particolari descrizioni di Scarpa. Però il libretto è leggero e divertente, e si divora in un paio d’ore. Leggendo “Venezia è un pesce” mi sono sentita subito coinvolta, innanzitutto perché il libro si rivolge, dando del tu, ad una lettrice e non ad un classico banale lettore qualsiasi; in secondo luogo perché, grazie ai pochi mesi vissuti in laguna, sono riuscita ad immaginare vividamente le cose che leggevo, pur non avendo ancora girato approfonditamente tutta la città. Se non si ha la fortuna di viverci, questa strana guida fa venir voglia di visitarla, o di tornarci. Scarpa ha ragione dicendo di non temere il labirinto: mi sono persa più e più volte, ed ho capito che bisogna assecondarlo, così esso ti guiderà in posti meravigliosi nel ventre di questo pesce spettacolare.

Annunci

Informazioni su Kia (Chiara Ruggeri)

Gitana che sogna di fare della sua passione, il viaggio, una professione (la reporter o blogger di viaggio), sono una ragazza curiosa che ha girato e vissuto una parte del pianeta Terra, ma a cui manca ancora molto da vedere. Credo che la diversità che mi circonda sia una meravigliosa ricchezza, e che l’incontro con persone e culture altre da me possano farmi crescere ed aprirmi nuovi orizzonti. Oltre al viaggio, amo scrivere, adoro la musica, la fotografia ed il buon cibo. In particolare, mi affascina il turismo sostenibile e responsabile, perché lo considero un ottimo modo di viaggiare facendo del bene: a noi, al luogo che visitiamo ed alla gente che vi abita. Sono fermamente convinta che fare turismo responsabilmente significhi comportarsi da viaggiatore e non da semplice turista. Dal 2012 racconto di Paesi, di turismo e di viaggi nel mio blog "Viaggiando s'impara". Dai un'occhiata al mio blog e sentiti libero/a di lasciarmi un commento oppure di scrivermi una mail! :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...