Sant Martí d’Empúries, una perla di storia nel blu del Mediterraneo

Standard

Sant Marti (1)

Muovendosi lungo la costa della Catalogna si incontrano città e paesi meravigliosi; uno di questi è Sant Martí d’Empúries, piccolo villaggio ricco di storia con le sue antiche rovine.
Ogni suo edificio racconta di diversi domini, e parla di vicende passate attraverso le sue mura.
Il nucleo medievale conserva tutt’oggi la struttura originale delle sue strade, e sulle facciate di pietra delle case figurano ancora scudi e simboli nobiliari.

Lo stile gotico si mescola con gli elementi architettonici delle diverse dominazioni che la città ha conosciuto, così come la vicina Empúries (nella lingua catalana, in spagnolo Ampurias), il cui nome sta a significare punto di raccolta delle merci, da “emporio”. Inizialmente fondata dai Focesi di Massalia nella prima metà del VI secolo a.C. sul golfo di Roses, Empúries era situata sulla penisola dove oggi sorge Sant Martí d’Empúries. Successivamente l’insediamento originario si ampliò, divenendo luogo di commercio, con la presenza di mercanti fenici ed etruschi ma anche di una grande popolazione di origine ellenica ed iberica.Sant Marti (2)
Fu colonizzata dai Greci a partire dalla prima metà del VI secolo a.C. (il nome emporion infatti significa anche mercato); passò in seguito ai Romani, dapprima alleati poi occupanti. Con la caduta dell’Impero romano d’Occidente fu conquistata prima dai Visigoti, poi dagli Arabi e infine dai Franchi. Nel XII secolo, infine, entrò a far parte della Corona d’Aragona.

Tutte le culture hanno lasciato il segno del loro passaggio in questi luoghi: passeggiando sulla battigia e guardando verso la costa, lo sguardo incontra rovine greche, forti romani ed edifici arabi… una serie di meraviglie concentrate in una piccola città.

Annunci

Informazioni su Kia (Chiara Ruggeri)

Gitana che sogna di fare della sua passione, il viaggio, una professione (la reporter o blogger di viaggio), sono una ragazza curiosa che ha girato e vissuto una parte del pianeta Terra, ma a cui manca ancora molto da vedere. Credo che la diversità che mi circonda sia una meravigliosa ricchezza, e che l’incontro con persone e culture altre da me possano farmi crescere ed aprirmi nuovi orizzonti. Oltre al viaggio, amo scrivere, adoro la musica, la fotografia ed il buon cibo. In particolare, mi affascina il turismo sostenibile e responsabile, perché lo considero un ottimo modo di viaggiare facendo del bene: a noi, al luogo che visitiamo ed alla gente che vi abita. Sono fermamente convinta che fare turismo responsabilmente significhi comportarsi da viaggiatore e non da semplice turista. Dal 2012 racconto di Paesi, di turismo e di viaggi nel mio blog "Viaggiando s'impara". Dai un'occhiata al mio blog e sentiti libero/a di lasciarmi un commento oppure di scrivermi una mail! :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...