Il bello del baratto tutto l’anno

Standard

LocandaViadellaRallaEbbene sì, sono riuscita a partecipare alla Settimana del Baratto! Ma ovviamente con i miei mille impegni la settimana ufficiale (17-23 novembre) per me era già al completo. Così con un’amica mi sono organizzata per spulciare tra i B&B del sito Barattobb.it che accettano la formula del baratto tutto l’anno, cioè i proprietari delle strutture che sono disposti a scambiare qualche notte nel loro Bed&Breakfast in cambio di beni o servizi.

Io e la mia amica abbiamo tradotto il sito della struttura prescelta, la Locanda di Via della Ralla, in tedesco (se siete di madrelingua tedesca non andate subito a controllare, vi prego! 😛 ) in cambio di due notti in questo bel casale adibito a B&B. Il proprietario, Davide, si è dimostrato fin da subito molto gentile, disponibile e socievole, e la mattina ci ha preparato personalmente la colazione con tè caldo, cappuccino e una deliziosa torta fatta in casa. La sua struttura, ubicata a Chiesina Uzzanese (in provincia di Pistoia), è vicinissima a tanti borghi toscani che non avevamo ancora visitato, così la Locanda di Via della Ralla è stata per un weekend la base di partenza delle nostre scorrazzate.

MontecatiniIl primo borgo visitato è stato Montecatini Terme, che si divide nel paese basso e nella parte alta, chiamata Montecatini Alto, che si può raggiungere con la storica funicolare. In origine il borgo era un castello romanico posto a 299 metri di altitudine; le terme sorgono infatti solo a partire dal 1530 grazie ad una bonifica della palude sottostante il castello. Da non perdere Piazza Giusti, un grande piazzale lastricato in pietra e dominato dalla Torre di Ugolino. Si affaccia su piazza Giusti anche il Palazzo di Giustizia, che risale al periodo medioevale e possiede una caratteristica facciata decorata da numerosi stemmi nobiliari. Qui ha sede anche l’antica cancelleria Comunale, che oggi ospita il Teatro dei Risorti. Salendo dalla piazza verso la cima si raggiunge la Chiesa Prepositurale di San Pietro, di origine romanica, che sorge accanto alla Torre, l’antica Rocca chiamata un tempo “Rocca del Castello Vecchio” o “Tramontana” per distinguerla dalla “Rocca del Carmine” o di “Castelnuovo” costruita sull’altura opposta. In quest’ultima è oggi rimasta solo la Torre dell’Orologio, con un orologio della fine del settecento e tuttora funzionante.

Vinci (2)Anche Vinci per il suo nome ci incuriosiva, così ci siamo avventurate nel borgo che ha dato i natali al grande Leonardo. A ricordarne la genialità nella Piazza dei Guidi, che è anche una terrazza sulle colline toscane, si erge una scultura in legno e ferro che rappresenta l’uomo vitruviano. Il castello di Vinci, costruito nell’alto Medioevo, dal 1953 ospita il Museo Leonardiano, dove si possono ammirare molti modelli di macchine ispirate ai disegni di Leonardo. Subito sotto al castello, il Museo ideale Leonardo da Vinci è dedicato al genio universale dell’artista, alla sua terra ed a tutte le opere legate a Leonardo o comunque ispirate al grande Maestro del Rinascimento.
Accanto al castello sorge la Chiesa di Santa Croce, seconda per importanza al santuario della Santissima Annunziata, eretto nel 1611 sopra un tabernacolo più antico e ristrutturato nel 1719.

Ad Anchiano, a pochi chilometri dal borgo di Vinci, si trova la (presunta) casa natale di Leonardo, ora un museo che si può esplorare per qualche euro con l’aiuto di una tecnologia avanzata e coinvolgente.

 

L'Uomo di Vinci di Mario Ceroli, ispirata alla celebre riproduzione di Leonardo dell’Uomo vitruviano

L’Uomo di Vinci di Mario Ceroli, ispirata alla celebre riproduzione di Leonardo dell’Uomo vitruviano

L'Uomo di Vinci di Mario Ceroli nella piazza dei Guidi

L’Uomo di Vinci di Mario Ceroli nella piazza dei Guidi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CertaldoUltimo borgo che abbiamo visitato nel nostro breve ma intenso fine settimana è Certaldo, paese arroccato su una collina e circondato da mura. Patria di Giovanni Boccaccio, il borgo medievale ospita numerosi edifici storico-artistici come Palazzo Pretorio, simbolo di Certaldo nato nel XII secolo come castello dei conti Alberti. Nei piani inferiori del palazzo si trovano anche le vecchie prigioni, mentre il cortile interno è stato trasformato in un giardino con una casa da tè giapponese. Sulla piazza principale si trova anche Palazzo Stiozzi Ridolfi, formato dal palazzo del XIV secolo, da due torri e da un grande cortile interno con loggiato, dove una volta probabilmente si teneva il mercato.

Sulla via principale del borgo, via Boccaccio, si trova la casa natale dello scrittore, oggi sede di una grande biblioteca e del centro studi sull’autore. Da vedere anche il trecentesco Palazzo Giannozzi e la Chiesa romanica dei Santi Jacopo e Filippo, che ospita un chiostro ed il museo di Arte Sacra, oltre alle spoglie del Boccaccio. Da non dimenticare, infine, le mura di Certaldo e le porte della città medievale, tra cui Porta al Sole e Porta Alberti.

Amo i borghi della Toscana, ed ogni volta che torno in questa regione ne scopro di nuovi. Anche questo weekend mi ha rivelato paesi e borghi a me ancora sconosciuti, ma così belli e caratteristici che vale davvero la pena parlarne.

Annunci

Informazioni su Kia (Chiara Ruggeri)

Gitana che sogna di fare della sua passione, il viaggio, una professione (la reporter o blogger di viaggio), sono una ragazza curiosa che ha girato e vissuto una parte del pianeta Terra, ma a cui manca ancora molto da vedere. Credo che la diversità che mi circonda sia una meravigliosa ricchezza, e che l’incontro con persone e culture altre da me possano farmi crescere ed aprirmi nuovi orizzonti. Oltre al viaggio, amo scrivere, adoro la musica, la fotografia ed il buon cibo. In particolare, mi affascina il turismo sostenibile e responsabile, perché lo considero un ottimo modo di viaggiare facendo del bene: a noi, al luogo che visitiamo ed alla gente che vi abita. Sono fermamente convinta che fare turismo responsabilmente significhi comportarsi da viaggiatore e non da semplice turista. Dal 2012 racconto di Paesi, di turismo e di viaggi nel mio blog "Viaggiando s'impara". Dai un'occhiata al mio blog e sentiti libero/a di lasciarmi un commento oppure di scrivermi una mail! :)

»

  1. Pingback: Firenze in 72 ore | Viaggiando s'impara

  2. Che bello, avevo parlato della Settimana del Baratto anche sul mio blog perchè mi sembrava un’iniziativa molto valida, ma non ero ancora riuscita a partecipare, sono contenta di leggere l’esperienza di qualcuno che ha testato con mano! 🙂

    Mi piace

    • Ciao Chiara! La Settimana del Baratto è un’iniziativa davvero bella perché ti permette di entrare a contatto con nuove realtà e di conoscere anche i gestori dei B&B, spesso persone fantastiche 🙂
      Spero di leggere presto anche la tua esperienza allora!

      Mi piace

  3. Pingback: Soggiorna gratis in tutta Italia con la Settimana del Baratto | Viaggiando s'impara

  4. Pingback: Firenze… da vivere | Viaggiando s'impara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...