Rovereto vista con gli occhi di una insider

Standard

Chi conosce Rovereto, cittadina nel cuore della Vallagarina? Io ci vivo, e devo dire che solo da quando ho iniziato a viaggiare riesco a vedere la mia città con occhi da viaggiatrice. E ne vado fiera! Perché Rovereto ed i suoi dintorni hanno veramente molto da offrire, non solo a chi è appassionato di cultura. Ecco perché partecipo al progetto #insiders di Trippando con i miei 10 motivi ed i vari perché del visitare Rovereto e la Vallagarina.

Rovereto-Centro.

Cos’è il progetto #insiders? Eccolo in breve con le parole della sua ideatrice, Silvia:

Abbiamo tutte la cattiva abitudine di scrivere di posti lontani. Facciamo le esperte e dispensiamo consigli riguardo posti dove abbiamo trascorso solo alcuni giorni. […] Pensiamo invece al luogo dove abitiamo: tutte abbiamo la brutta abitudine di non scriverne. O, per lo meno, di non scriverne abbastanza. Difficilmente le città ed i paesi in cui viviamo sono l’oggetto dei nostri articoli. Eppure saremo davvero delle esperte. Delle insiders. Conosciamo le nostre città, le viviamo quotidianamente: chi meglio di noi potrebbe raccontarle?

Io sono arrivata a scoprire questa bella iniziativa qualche giorno fa, ed ho deciso di partecipare con un post che racchiuda entrambi gli argomenti già lanciati: la “Top Ten: le 10 principali cose da vedere e fare nella nostra città” e i “Perché visitare…“. Lo faccio in 10 punti, che sono i 10 perché di una visita a Rovereto. L’ordine non conta: sono tutti motivi validissimi per fare un giro a Rovereto… e venire a trovarmi! 🙂

Mart-Rovereto1. Per il MART: noto per il suo curioso cappello di vetro, che assomiglia ad un ombrello rotto, il Museo di Arte contemporanea di Rovereto e Trento è una culla non solo di arte contemporanea ma anche di mostre ed iniziative sempre diverse. Visitate il sito per conoscere le esposizioni allestite durante la vostra visita!

2. Per la Casa Depero: coloratissima e scenografica, è l’unico museo in Italia fondato da un futurista. Fu infatti ideato nel 1957 dall’artista Fortunato Depero, roveretano doc. All’interno si trovano circa 3000 opere e oggetti lasciati dall’artista alla città di Rovereto, tra cui le curiose pubblicità futuriste per alcune note marche di prodotti.

Castello-di-Rovereto3. Per il Castello di Rovereto: edificato nel XIV secolo dalla signoria dei Castelbarco, al suo interno è ospitato dal 1921 il Museo Storico Italiano della Guerra, che continua anche per tutto il 2015 la sua attività per il centenario della Prima Guerra Mondiale.

4. Per il teatro Zandonai: il teatro principale di Rovereto esiste dal 1782, e da ottobre 2014 è stato riaperto al pubblico fresco di restauri. Vi si tengono interessanti spettacoli teatrali e tante manifestazioni culturali: date un’occhiata al sito se siete interessati a godervi una serata all’insegna della cultura!

5. Per degustare un buon bicchiere di vino: i vini autoctoni trentini sono davvero di ottima qualità: Marzemino, Teroldego, Enantio… sono perfetti se abbinati a qualche piatto tipico come i canederli, la selvaggina con la polenta o gli strangolapreti. Per chi ama i dolci, non dimenticate di assaggiare lo Strudel e di portare a casa con voi qualche cioccolatino di Exquisita, la cioccolateria glocal di Rovereto che prepara praline da capogiro con ingredienti del territorio.

campana-caduti6. Per la Campana dei Caduti: Maria Dolens, questo il suo nome, è la più grande campana del mondo che suona a distesa, e fu realizzata con il bronzo dei cannoni della prima guerra mondiale, fusi tutti assieme per una grande opera di pace. Ogni sera alle 21.30 (20.30 con l’ora solare e e la domenica alle 12.00) la campana suona 100 rintocchi per ricordare i caduti di tutte le guerre, e per ricordare la fondamentale importanza della pace. Dal colle di Miravalle si può fare una bella passeggiata nel bosco della città e raggiungere il Sacrario monumentale di Castel Dante, un altro custode della storia trentina che conserva le spoglie di ventimila soldati.

7. Per fare quattro passi nel centro storico: Rovereto ha un centro storico percorribile interamente a piedi con portici, vicoli e scalette che vi porteranno a scoprire angoli sempre nuovi. Anch’io ogni volta scopro qualcosa di diverso! Le manifestazioni non mancano: dalla festa di primavera che riempie il centro storico di fiori, ai tanti concerti dei giovani nelle piazze, ai vari mercatini… ogni occasione è buona per fare un giretto in città.

ciclabile-Adige8. Per una biciclettata lungo l’Adige: noleggiate una delle biciclette verdi del Comune di Rovereto “E.motion”, e godetevi una bella gita lungo la ciclabile che costeggia il fiume Adige. Presso l’APT di Rovereto in piazza Rosmini potete richiedere le card temporanee per noleggiare le bici elettriche al costo di 3 € per due ore (ogni ora aggiuntiva costa 1 €). Se avete voglia di una pausa, fermatevi ad uno dei Bici Grill che incontrerete lungo il percorso: sono piccoli bar in cui ristorarsi e chiedere informazioni, oltre a godersi indisturbati il panorama.

9. Per la praticità della vita: Rovereto ha saputo fare delle nuove tecnologie un punto di forza. Il parcheggio si può pagare con la app e la propria visita si può pianificare con nuove piattaforme (turistiche e non) che permettono di esplorare la città. Ma è fantastica anche la TrentoRoveretoCard, con cui si può visitare tutti i musei di Rovereto e Trento, muoversi con i mezzi pubblici ed avere sconti in numerosi esercizi ad un prezzo super conveniente!

10. Per i suoi dintorni: non solo Rovereto merita una visita, ma tutta la Vallagarina! I tanti borghi sparpagliati lungo la valle custodiscono perle di rara bellezza: una chiesa, un castello, un centro storico con vicoli e portici da fotografie… a Marco di Rovereto ci sono perfino le orme dei dinosauri risalenti a 200 milioni di anni fa! E se ancora non vi basta, a soli 15 minuti da Rovereto si trova Trento, con il suo Castello del Buonconsiglio, il Duomo, un centro storico pieno di sorprese e naturalmente il MUSE, il Museo delle Scienze nato nel 2013.

Quante altre ragioni vi servono per visitare la mia città? Io ve ne ho date ben 10… ma chi di voi c’è già stato può aggiungerne altre! 🙂 Aspetto di leggere i vostri suggerimenti!

(Foto e immagini di visitrovereto.it)

Annunci

Informazioni su Kia (Chiara Ruggeri)

Gitana che sogna di fare della sua passione, il viaggio, una professione (la reporter o blogger di viaggio), sono una ragazza curiosa che ha girato e vissuto una parte del pianeta Terra, ma a cui manca ancora molto da vedere. Credo che la diversità che mi circonda sia una meravigliosa ricchezza, e che l’incontro con persone e culture altre da me possano farmi crescere ed aprirmi nuovi orizzonti. Oltre al viaggio, amo scrivere, adoro la musica, la fotografia ed il buon cibo. In particolare, mi affascina il turismo sostenibile e responsabile, perché lo considero un ottimo modo di viaggiare facendo del bene: a noi, al luogo che visitiamo ed alla gente che vi abita. Sono fermamente convinta che fare turismo responsabilmente significhi comportarsi da viaggiatore e non da semplice turista. Dal 2012 racconto di Paesi, di turismo e di viaggi nel mio blog "Viaggiando s'impara". Dai un'occhiata al mio blog e sentiti libero/a di lasciarmi un commento oppure di scrivermi una mail! :)

»

  1. Pingback: L’Italia e la sua Grande Bellezza: 15 ragioni per visitarla (non solo per l’Expo) | Viaggiando s'impara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...