Archivi tag: canzoninviaggio

Lamezia Milano

Video

Incredibilmente è volato anche giugno. Questo mese ho viaggiato, ho fatto corsi, ho lavorato, ho corso di continuo, ma sono felice di questa vita in movimento. Mi sento molto vicina a questa canzone che passa in radio ultimamente e mi accompagna in macchina e in treno 🙂

Lamezia Milano andata e ritorno
Mi sveglio la mattina e nemmeno mi ricordo
Dov’ero fino a ieri cosa ho mangiato a cena
Perché mi prude il culo e mi fa male la schiena
Lamezia Milano valigia e biglietto
Lo spazio in aereo sembra sempre più stretto
C’è gente che ride per l’applauso al pilota
Io vedo solamente attaccamento alla vita
Alla vita

Con il terrore di una guerra Santa
E l’Occidente chiuso in una banca
Io me ne vado in settimana bianca
Bianca
Con la metropoli che ancora incanta
E la provincia ferma agli anni Ottanta
L’Italia sventola bandiera bianca
E canta, e canta

Lamezia Milano andata e ritorno
La vita di coppia non è come un video porno
La signorina Google mi dice dove andare
Entrando a gamba tesa sulla voce di mia madre
Lamezia Milano è un viaggio pazzesco
Da nonno Michele a mio nipote Francesco
C’è un lupo della Sila fra i piccioni del Duomo
C’è un vecchio ragazzino dentro il corpo di un uomo
Di un uomo

Con il terrore di una guerra santa
E l’Occidente chiuso in una banca
Io me ne vado in settimana bianca
Bianca
Con la metropoli che ancora incanta
E la provincia ferma agli anni Ottanta
L’Italia sventola bandiera bianca
E canta, e canta

Non riesco più a vedere
La differenza, se c’è
Fra la vita reale e la vita cellulare

Con il terrore di una guerra Santa
E l’Occidente chiuso in una banca
Io me ne vado in settimana bianca
Bianca
Con la metropoli che ancora incanta
E la provincia ferma agli anni Ottanta
L’Italia sventola bandiera bianca
E canta, e canta
E canta
E canta

Lamezia Milano, Brunori Sas

Annunci

Strade

Video

Queste prime giornate di Primavera fanno venire voglia di gite all’aria aperta, di lunghe passeggiate nella Natura e di esplorazioni alla riscoperta dei dintorni. Con la testa sono già in viaggio, anche sotto una pioggia di marzo, come cantano i Subsonica nella loro canzone.

 

Se tutto ciò che cerco nasconde un movimento
Quale destinazione può incontrarci
Se in tutto ciò che inquadro il senso è già sfocato
Qual è l’angolazione per fissarci

Strade che si lasciano guidare forte
Poche parole, piogge calde e buio
Tergicristalli e curve da drizzare
Strade che si lasciano dimenticare

Leggero in fondo solo l’umore acceso al volo
Senza lasciare il tempo di pensarci
Ti guardo che mi guardi non so se salutarti
O fare finta che non sia già tardi

Strade che si lasciano guidare forte
Poche parole, piogge calde e buio
Tergicristalli e curve da drizzare
Strade che si lasciano dimenticare
Strade che si lasciano guidare forte (andare via così)
Poche parole, piogge calde e buio (via così… via così)
Tergicristalli e curve da tremare
Strade che si lasciano dimenticare

Strade che si lasciano guidare forte
Poche parole, piogge calde e buio
Tergicristalli e curve da drizzare
Strade che si lasciano dimenticare
Strade che si lasciano guidare forte (andare via così)
Poche parole, piogge calde e buio (via così… via così)
Tergicristalli e curve da tremare
Strade che si lasciano dimenticare

Forse sta a pochi metri da me
Quello che cerco e vorrei trovare
La forza di fermarmi
Perchè sto già scappando mentre non riesco
A stringere più a fondo e ora che sto correndo
Vorrei che fossi con me
Che fossi qui
Sento a pochi metri da me
Quello che c’era e vorrei trovare
La forza di voltarmi
Perchè se stai svanendo io non ci riesco
A stringere più a fondo ora che sotto il mondo
Vorrei che tu fossi qui
Che fossi qui…

Strade, Subsonica

Lacio Drom (Buon Viaggio)

Video

Non so come, non so quando, non so perché… ma è arrivato settembre. Un mese strano, settembre, quasi un giro di boa, non solo perché compio gli anni ma anche perché il mondo sembra riprendere un suo ritmo dopo la lentezza soleggiata dell’estate.

“Settembre è il mese del ripensamento, sugli anni e sull’età, dopo l’estate porti il dono usato della perplessità, della perplessità… Ti siedi e pensi e ricominci il gioco della tua identità, come scintille brucian nel tuo fuoco le possibilità, le possibilità…  canta il grande Guccini in “La canzone dei dodici mesi”: quante volte ho canticchiato questa strofa pensando a quanto sia vera! Ma oggi ho un’altra canzone in testa, che mi culla dolcemente e fa iniziare col ritmo giusto questo nuovo periodo di lavoro, impegni e alcune opportunità 🙂

Lacio Drom è una canzone dei Litfiba che significa “Buon Viaggio” in lingua romanes (l’idioma del popolo Rom) ed infatti è proprio un augurio di buon viaggio, di buon cammino, con la giusta musica che sappia darci la carica per affrontare le salite quotidiane e le nuove avventure che porta con sé questo periodo.

La strada dove finisce
Senza piedi userò le mani mani
Fino alla pista che non esiste
La cavalcherò sui venti e gli uragani

Regina di periferia
Con gli occhi della rabbia e dell’arcobaleno
Che non conoscono la destinazione
E che mi dicono buon viaggio Lacio Drom
Uh ti porterò… Uh ti prenderò

La strada che non ha strisce
Sarà la rotta sotto questa luna
Coi suoi problemi e coi suoi compromessi
E che ogni volta non ritrovi mai la stessa
Uh ci porterà… Uh Zingara… Uh ti porterò…

Ti porterò nei posti dove c’è del buon vino
E festa festa fino a mattina
Sirena con due occhi grandi come la fame
Balla balla e poi lasciami qui
Uh ih uh ih Lacio Drom

La strada che non finisce mai
Senza piedi userò le mie mani
E tutta l’arte di un equilibrista
Per trovare un altro mondo
Per noi due… Noi due

E faccia faccia con la porta della paura
Senza lacci senza cintura
Sirena con due occhi grandi come la fame
Guarda guarda io sono quaggiù

Ti porterò nei posti dove c’è del buon vino
E festa festa fino a mattina
Sirena con due occhi grandi come la fame
Balla balla e poi lasciami qui
Uh ih uh ih Lacio Drom
E festa festa, fai festa festa…
Fai festa festa festa festa
Nella tua testa
Uh ih uh ih Lacio Drom

Lacio Drom, Litfiba

Shimbalaie

Video

Quando sento questa canzone mi torna sempre in mente il Brasile, il mio Brasile, quello in cui ho lasciato una parte di cuore. E non posso fare a meno di sognare, canticchiando l’ultima frase: “Ser capitã desse mundo, Poder rodar sem fronteiras, Viver um ano em segundos, Não achar sonhos besteira…”

Pura poesia.

 

Shimbalaiê, quando vejo o sol beijando o mar
Shimbalaiê, toda vez que ele vai repousar

Natureza, deusa do viver
A beleza pura do nascer
Uma flor brilhando a luz do sol
Pescador entre o mar e o anzol

Pensamento tão livre quanto o céu
Imagine um barco de papel
Indo embora para não mais voltar
Indo como que iemanjá

Shimbalaiê, quando vejo o sol beijando o mar
Shimbalaiê, toda vez que ele vai repousar

Quanto tempo leva pra aprender
Que uma flor tem que vida ao nascer
Essa flor brilhando á luz do sol
Pescando entre o mar e o anzol

Shimbalaiê, quando vejo o sol beijando o mar
Shimbalaiê, toda vez que ele vai repousar

Ser capitã desse mundo
Poder rodar sem fronteiras
Viver um ano em segundos
Não achar sonhos besteira
Me encantar com um livro
Que fale sobre a vaidade
Quando mentir for preciso
Poder falar a verdade

Shimbalaiê, quando vejo o sol beijando o mar
Shimbalaiê, toda vez que ele vai repousar

Shimbalaiê, Maria Gadù

Il Viaggiatore

Video

L’altra sera stavo fantasticando sul mio prossimo viaggio, sulla prossima meta, sul tempo libero a disposizione e… mi è venuta in mente questa canzone. Così ne ho postato uno stralcio sui social, ma ho pensato che è talmente bella che merita un posticino anche nella mia rubrica #canzoninviaggio 🙂

Se impari la strada a memoria non troverai certo granché
se invece smarrisci la rotta
il Mondo è li tutto per te

Non siete d’accordo con I Mercanti di Liquore? Io decisamente sì! 😀

 

Il viaggio non è l’emozione di attimi pericolosi
il viaggio è la gioia del tempo
pericolo è stare rinchiusi

Direzione casuale, non prevede sosta
chi viaggia odia l’estate
l’estate appartiene al turista

Il viaggiatore viaggia solo
e non lo fa per tornare contento
lui viaggia perché di mestiere ha scelto il mestiere di vento.

Mischiare presente e ricordi, le strade possibili fatte
fu forse salsedine o neve
fu forse ponente o levante

L’amore lasciato sospeso, qualcuno ne approfitterà
ma questo riguarda il ritorno
remota possibilità

Il viaggiatore viaggia solo
e non lo fa per tornare contento
lui viaggia perché di mestiere ha scelto il mestiere di…

Se impari la strada a memoria non troverai certo granché
se invece smarrisci la rotta
il Mondo è li tutto per te

Paese significa storia e storia significa lingua
impara la tua direzione
da gente che non ti somiglia
impara la tua direzione
da gente che non ti somiglia

Il viaggiatore viaggia solo
e non lo fa per tornare contento
lui viaggia perché di mestiere ha scelto il mestiere di vento

Il viaggiatore viaggia solo
e non lo fa per tornare contento
lui viaggia perché di mestiere ha scelto il mestiere di vento
ha scelto il mestiere di vento.

Il Viaggiatore, Mercanti di Liquore

Get your Kicks on Route 66

Video

Quasi un mese è già trascorso dal mio rientro dagli States, e da quella fantastica esperienza che è stata la Route 66. Sto ancora cercando di riordinare idee, emozioni e ricordi tra post e fotografie, e non riesco a smettere di ascoltare questa canzone, che con la sua frizzante allegria mi riporta a quei giorni in cui ho percorso migliaia di chilometri sulla Strada delle Strade.

(Get Your Kicks On) Route 66 è stato composto nel lontano 1946 da Bobby Troup, ed inciso per la prima volta lo stesso anno da Nat King Cole. Nei decenni successivi sono stati tanti gli artisti che hanno riarrangiato questo brano, come Chuck Berry, i Rolling Stones, i Depeche Mode, e non per ultimo John Mayer nel 2006 per il film Disney “Cars motori ruggenti”.

A me piace tanto la versione ritmata dei Rolling Stones… il testo è all’incirca quello originale. Il messaggio è sicuramente lo stesso: Get your Kicks on Route 66! 🙂

Well if you ever plan to motor west
Just take my way that’s the highway that’s the best
Get your kicks on Route 66

Well it winds from Chicago to L.A.
More than 2000 miles all the way
Get your kicks on Route 66

Well goes from St. Louie down to Missouri
Oklahoma city looks oh so pretty
You’ll see Amarillo and Gallup, New Mexico
Flagstaff, Arizona don’t forget Winona
Kingman, Barstow, San Bernadino

Would you get hip to this kindly tip
And go take that California trip
Get your kicks on Route 66

Well goes from St. Louie down to Missouri
Oklahoma city looks oh so pretty
You’ll see Amarillo and Gallup, New Mexico
Flagstaff, Arizona don’t forget Winona
Kingman, Barstow, San Bernadino

Would you get hip to this kindly tip
And go take that California trip
Get your kicks on Route 66

Well, get your kicks on Route 66
Well, get your kicks on Route 66

Route 66, Rolling Stones

Buon Viaggio

Video

Sono in partenza, anche stavolta con qualcuno di diverso al mio fianco. Credo che sia anche questa una delle cose belle dei miei viaggi, ed in generale del viaggiare: scegliere compagni d’avventura nuovi con cui vivere esperienze sempre diverse. Anche se in fondo vorrei condividere ogni viaggio con ognuna delle persone speciali che porto nel mio cuore…
Stavolta parto con mio padre, destinazione la Route 66 e le sue tappe. Voglio perciò augurare buon viaggio a noi, ma non solo: buon viaggio anche a chi si sta spostando in altre parti del mondo, a chi viaggia con la mente, a chi partirà a breve e a chi sta per intraprendere un “viaggio” alternativo, che sia una vita insieme al proprio compagno, l’arrivo di un bambino o un grande cambiamento, qualsiasi esso sia. Proprio come lo augura ad ognuno di noi Cesare Cremonini.

Buon viaggio
che sia un’andata o un ritorno
che sia una vita o solo un giorno
che sia per sempre o un secondo
l’incanto sarà godersi un po’ la strada
amore mio comunque vada
fai le valigie
e chiudi le luci di casa

Coraggio, lasciare tutto indietro e andare
Partire per ricominciare
Che non c’è niente di più vero
Di un miraggio
Per quanta strada ancora c’è da fare
Amerai il finale

Share the love

Chi ha detto
che tutto quello che cerchiamo
non è sul palmo di una mano
e che le stelle puoi guardarle
solo da lontano

Ti aspetto
dove la mia città scompare
e l’orizzonte è verticale
ma nelle foto hai gli occhi rossi
e vieni male

Coraggio, lasciare tutto indietro e andare
partire per ricominciare
che se ci pensi siamo solo di passaggio
e per quanta strada ancora c’è da fare
amerai il finale

Share the love

In fondo è solo un mare di parole
e come un pesce puoi nuotare solamente
quando le onde sono buone
e per quanto sia difficile spiegare
non è importante dove
conta solamente andare
comunque vada
per quanta strada ancora c’è da fare

Share the love

Buon viaggio
che sia un’andata o un ritorno
che sia una vita o solo un giorno
e siamo solo di passaggio
voglio godermi un po’ la strada
amore mio comunque vada

Buon viaggio

Share the love

Buon viaggio, Cesare Cremonini