Archivi tag: estate

5 mete italiane da riscoprire quest’estate

Standard

L’Italia è veramente il Paese delle meraviglie, ed ogni volta che viaggio nel mio Paese mi rendo conto di quanto sia fortunata a viverci. Per questo voglio suggerirvi 5 mete che ho visitato negli ultimi anni lungo lo Stivale che mi hanno conquistata: sono destinazioni in cui trascorrere qualche giorno durante uno dei prossimi ponti di primavera, ma anche una settimana o più in estate.

Grado: un piccolo borgo marinaro, una cittadina sospesa tra mare e laguna in cui gustare il pesce fresco e camminare lungo la riva, con il vento che scompiglia i capelli. Ma anche Trieste e Gorizia sono due città da visitare con qualche giorno in più a disposizione, per trascorrere un weekend tra il suono del mare e l’incanto della storia. Per sfruttare il tempo a disposizione l’ideale è spostarsi in macchina o in treno tra le singole città, ma poi girare a piedi nei centri.

Grado

I borghi toscani, come San Gimignano e Volterra: queste perle vanno scoperte lentamente, gustandosi anche tutto il paesaggio in cui sono immerse. La Val d’Elsa e la Val d’Orcia ed i loro orizzonti che si infrangono sulle colline, tra file di cipressi e tramonti mozzafiato, ed i piccoli borghi medievali che si incontrano a poche manciate di chilometri l’uno dall’altro sono un’ottima idea per un weekend fuori porta o per una settimana di sano relax. Raggiungere queste cittadine e spostarsi tra i piccoli borghi in bici o con una macchina elettrica vi farà sentire meglio fisicamente e moralmente, nei confronti di questi territori belli al punto da togliere il fiato.

Volterra, Toscana

Il Fermano ed i suoi dintorni: una fila di borghi “bandiere blu” lungo la costa Adriatica, chilometri di passeggiate e piste ciclabili, chicche storiche e monumenti dalla notevole importanza… sono i paesi delle province di Fermo e Macerata, che vi invito a scoprire per godervi le Marche tra costa ed entroterra. Con una bicicletta si può percorrere un bel tratto sul lungomare, godendosi il paesaggio, come da Porto San Giorgio a Porto Sant’Elpidio.
Tutte queste località possono essere raggiunte comodamente in macchina oppure in treno, opzione più sostenibile e sicuramente preferibile, anche per godersi il panorama marino in tutta tranquillità.

lungomare Fermano

Cagliari: qualche giorno nel capoluogo sardo vi farà sentire rigenerati. Un clima mite, i sette colli ed i bei quartieri da esplorare, la buona cucina della tradizione ed i fenicotteri rosa: che cosa desiderare di più? 🙂
Anche se può apparire faticoso, visitare Cagliari a piedi è un ottimo esercizio e dà anche molte soddisfazioni, regalando panorami incredibili sulla città e sul mare che la abbraccia. Si può raggiungere facilmente la città sia con voli low cost sia in macchina, naturalmente via mare, prenotando online un traghetto per la Sardegna. Con questa seconda soluzione si può scegliere di viaggiare all’ora che si preferisce: di giorno ci si gode la traversata del mar Tirreno, oppure si possono ottimizzare le proprie risorse viaggiando di notte, in modo da sfruttare il più possibile le giornate per visitare la città. Un consiglio: durante il viaggio approfittatene per scaricare le audioguide gratuite messe a disposizione dal sito di Cagliariturismo, le avrete pronte per quando sarete in città.

Cagliari

Palermo: la Capitale italiana della Cultura del 2018 (ha eliminato Trento in finale, ahimè!) ha davvero molto da offrire, in primis la sua incredibile mescolanza di influssi e di culture. Palazzi normanni, architetture bizantine, un mare che abbraccia la costa e la tradizione culinaria che la fa da padrona nei locali come nei mercati tradizionali: Palermo è una città che affascina i viaggiatori e conquista i loro palati! Ci si può arrivare comodamente con voli low cost oppure via terra e mare, attraversando in traghetto lo stretto di Messina. A proposito, proprio sul traghetto sullo stretto ho mangiato uno dei migliori arancini mai provati! 😀

Palermo

Avete già visitato una di queste città? Quale vi piacerebbe vedere prossimamente? Lasciatemi i vostri pareri e le vostre idee nei commenti 😉

Annunci

L’estate profuma di libertà

Standard

Siamo già alla fine di maggio e io ho solo una data segnata sul calendario della mia estate. Ok, forse due… ma non mi sembrano mai abbastanza. E anche se I Mercanti di Liquore cantano “chi viaggia odia l’estate, l’estate appartiene al turista”, io ho bisogno di muovermi almeno un po’ in questi mesi che sanno di vacanza e libertà.

L’anno scorso ho viaggiato in lungo e in largo per l’Europa dell’Est col mio InterRail, e poi in estate mi sono goduta il bel viaggio on the road con mio padre attraverso l’America, sulla mitica Route 66. Quest’estate esaudirò uno dei miei TravelDreams 2016… ma per ora non voglio svelare nulla!
Per chi sta decidendo in questi giorni cosa fare o dove andare quest’estate, ho qualche suggerimento curioso per fare una vacanza diversa ed un’esperienza nuova.

chitarra festival

169,1181202260,6 Vacanza in musica: l’estate è sinonimo di libertà, e io l’associo sempre al piacere di trascorrere lunghe serate all’aria aperta ad ascoltare musica dal vivo o a ballare ai concerti fino allo sfinimento. Perché non fare una vacanza inseguendo i festival musicali d’Europa? Ce n’è davvero per tutti i gusti! Già ai primi di giugno a Copenaghen prende il via il Distortion festival, festival di strada in cui si celebra ogni tipo di musica in location come strade, cortili, musei e giardini. A giugno c’è anche l’INmusic festival, che anima Zagabria ed il lago Jarun, o il Rock im Park ed il Rock am Ring in Germania. Ad agosto è la volta dello Sziget Festival a Budapest, uno dei più grandi festival d’Europa. A fine agosto ci si sposta in Austria per il Frequency Festival e si termina a settembre in Germania con il Lollapalooza di Berlino.
Ma il tour musicale si può fare anche in Italia: ci sono festival imperdibili come il Lucca Summer Festival, il Rock in Roma festival ed il Market Sound Festival. Basta solo decidere se scegliere un festival ed una meta oppure se inseguire il suono della musica per tutta Europa! 😉

via francigena169,1181202260,6 Vacanza a piedi: avete mai pensato di percorrere una delle antiche vie romane? La Via Francigena ad esempio, che da Canterbury attraversa l’Europa e giunge a Roma, passa per cittadine e paesaggi mozzafiato. Altrimenti, se non ve la sentite di trascorrere un’intera vacanza camminando, si può prevedere una vacanza con qualche escursione: il mio Trentino potrebbe essere una delle mete d’eccellenza, ma sono sicura che ogni destinazione offre percorsi da fare a piedi, sia in città sia nei dintorni. L’importante è sempre informarsi bene sulla distanza da percorrere e procurarsi un buon paio di scarpe, e poi partire senza paure!

169,1181202260,6 Vacanza di gusto: l’estate, si sa, è la stagione della frutta fresca, dei pasti leggeri e dei piatti veloci. Navigando nel web ho trovato quest’infografica e mi è venuta una voglia incredibile di fare un altro InterRail, questa volta però alla scoperta del Mediterraneo e delle sue prelibatezze! Una sorta di vacanza enogastronomica, seguendo i profumi, i sapori ed i colori che sprigionano i piatti tipici dei Paesi affacciati sul mar Mediterraneo. Sapori che sanno di estate, come i pomodori, il pesce fresco, il pane fragrante appena sfornato, accompagnati dal vino o dalla birra locale, da gustare in riva al mare o davanti ad un tramonto.

Se quest’estate non viaggerò molto, almeno posso farlo in ogni momento con la fantasia! E voi, che tipo di vacanza scegliereste? Avete già pianificato le vostre vacanze oppure la stagione estiva per voi è off limits? Raccontatemelo qui nei commenti! 🙂

Ferragosto a casa mia, sotto le stelle del Trentino

Standard

Agosto non è mai stato il mio mese prediletto per viaggiare, ma spesso è quello più gettonato per le ferie. Quest’anno farò un’eccezione e mi metterò in viaggio on the road proprio ad agosto… ma aspetto ancora a rivelarvi dove, se non lo avete già scoperto! Nel frattempo, mi godo il mio (caldo!) Trentino e le sue tante iniziative estive, e vi racconto cosa fare in Trentino a Ferragosto e in estate: ho colto di nuovo la proposta di Trippando di giocare agli insiders, che per questo mese propone di rivelare cosa fare nelle nostre città a Ferragosto.
Come l’anno scorso, eccovi serviti i suggerimenti per un’estate indimenticabile “a casa mia”.

Terrazza delle stelle Monte BondoneIn questo periodo dell’anno si è soliti stare con il naso all’insù a cercare stelle cadenti, spesso lontani dal fastidio luminoso (e rumoroso) delle città.
Sul Monte Bondone, sopra Trento, l’osservatorio astronomico “Terrazza delle Stelle” offre un ricco programma di iniziative per ammirare il firmamento e per conoscere la flora del monte, a Ferragosto e per tutta l’estate.

A Canale di Tenno, uno dei borghi più belli d’Italia, va in scena dal 9 al 16 agosto “Rustico Medioevo“: il borgo medievale sembra tornare indietro nel tempo, e le sue vie e piazzette diventano teatro di spettacoli di giullari e cantastorie.
Il programma è molto adatto alle famiglie con bambini, ma l’ambiente medievale ed i piatti della tradizione attirano tutte le età.

Terrazza delle stelle monte Bondone

L’osservatorio astronomico alle Viote, sul monte Bondone. Foto di muse.it

Trenino dei Castelli

Tutti i sabati d’estate (escluso Ferragosto, ahimè!) ed anche in altre date, in Trentino viaggia il Trenino dei castelli, di cui ha parlato anche il mio amico Enrico (aka Bassa Velocità) sul suo blog. Il trenino (aiutato da un pullman) accompagna lungo la Val di Sole e la Val di Non alla scoperta dei castelli di Ossana e di Caldes, di Castel Valer e di Castel Thun; tra un maniero e l’altro ci si ristora con prodotti tipici locali.

Continuano anche durante tutto il mese di agosto I Suoni delle Dolomiti, il festival di musica in quota sulle montagne del Trentino: abbinare una bella passeggiata alla buona musica d’autore è un’idea niente male, e vivere un concerto nel teatro naturale delle Dolomiti è un’emozione unica! Tra gli ospiti del festival quest’anno ci sono anche Nina Zilli e Niccolò Fabi.

Per i più piccini e per i tanti curiosi della vita in alpeggio, l’iniziativa delle Albe in Malga offre l’opportunità di immergersi per una volta nel mondo delle malghe e degli alpeggi, per vedere come si fa il formaggio la mattina presto e per gustare una ricca colazione.

Insomma, chi me lo fa fare di mettermi in viaggio ad agosto, quando il mio Trentino mi offre tanto? 🙂

Per unire relax e cultura, una vacanza “culturilassante” a Ravenna

Standard

San Vitale a Ravenna
Se siete stufi delle solite vacanze tutto mare e sole o le vostre gambe non ne possono più di fare chilometri nell’afa estiva, provate una vacanza “culturilassante”! Cioè scegliete una meta sul mare che sia nei paraggi di qualche città d’arte, così coniugherete il bello di rilassarvi al mare durante il giorno al piacere di visitare una città e le sue attrazioni nelle ore serali. Certo, non tutti i musei ed i monumenti rimangono aperti fino a tardi, ma spesso nelle grandi città si organizzano serate alla scoperta del patrimonio culturale. Oggi ve ne suggerisco una io, testata personalmente pochi giorni fa: Ravenna.

Ravenna è una perla di storia affacciata sul mare Adriatico. Per tre volte è stata la capitale di tre imperi diversi: dell’Impero Romano d’Occidente, di quello degli Ostrogoti di Teodorico re dei Goti, e dell’Impero di Bisanzio in Europa. Infatti la città ne conserva le testimonianze in un ricco patrimonio composto da grandi monumenti e da mosaici spettacolari. Otto dei monumenti di Ravenna sono inseriti nella lista dei beni patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, e la città è anche la custode delle spoglie di Dante Alighieri, che vi morì nel 1321.

Mosaico mausoleo Galla PlacidiaDi giorno ci si gode il relax in spiaggia (in fondo al post trovate i miei consigli) e di sera si va alla scoperta della cultura, con visite guidate ed aperture straordinarie dei principali monumenti: il comune di Ravenna propone ogni martedì e venerdì dalle 21 alle 23 per tutta l’estate l’iniziativa Mosaico di notte, per visitare accompagnati da una guida la Basilica di San Vitale, il Mausoleo di Galla Placidia, la Domus dei Tappeti di Pietra e la Cripta Rasponi con i suoi Giardini Pensili.
Ravenna bella di sera è il ricco programma della città che unisce musica dal vivo, cultura e tanto altro in un fitto programma consultabile qui, mentre ottobre è la volta della Notte d’Oro, la notte bianca di Ravenna: fino all’alba potrete gustare poesia, musica, mosaico e mistero.

I mosaici di Ravenna sono così belli da togliere il fiato, ed in città ce ne sono tantissimi! Migliaia e migliaia di tessere di vetro, smaltate o decorate con foglie d’oro, si uniscono in un puzzle immenso per dare vita a numerose storie bibliche. Non si può visitare Ravenna senza vedere i suoi monumenti più belli ed i suoi mosaici! I biglietti per la maggior parte dei monumenti sono unici per più attrazioni, come quello che comprende la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Battistero Neoniano, la Basilica di San Vitale, il Mausoleo di Galla Placidia, il Museo e la Cappella Arcivescovile. Ecco cosa non perdervi se fate visita a Ravenna:

  • Il magnifico complesso dei primi monumenti cristiani di Ravenna Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO: la Basilica di San Vitale, a forma ottagonale con splendidi mosaici nell’abside che narrano tantissimi episodi dell’Antico e Nuovo Testamento; Dio lascia spuntare dal cielo una mano in stile rock, con pollice, indice e mignolo ben distesi, a benedire la terra. Poco distante si trova il Mausoleo di Galla Placidia con uno scrigno di stelle, e davvero belli sono anche la Cappella Arcivescovile o di Sant’Andrea, il Battistero Neoniano ed il Battistero degli Ariani con episodi della vita di Cristo, la splendida Basilica di Sant’Apollinare Nuovo ed il Mausoleo di Teodorico.
  • La Domus dei Tappeti di Pietra, un’antica villa bizantina risalente al V-VI secolo con tappeti composti da immensi mosaici, scoperti solo durante uno scavo nel 1993. Si accede all’ambiente situato 3 metri sotto il livello stradale dalla chiesetta di Sant’Eufemia, del XVIII secolo.Battistero Neoniano, Duomo e cappella di S. Andrea a Ravenna
  • La Cripta Rasponi ed i suoi bellissimi giardini interni, un luogo davvero romantico e tranquillo nel cuore di Ravenna.
  • Piazza del Popolo, del XIII secolo, con immensi palazzi tra cui il Palazzo Merlato del comune.
  • Il Duomo di Ravenna del XVIII secolo, la basilica di Santa Maria in Porto e la basilica di San Francesco, in cui fu svolta la cerimonia funebre di Dante Alighieri nel 1321, con il pavimento decorato da frammenti di mosaico della chiesa primitiva.
  • La Tomba di Dante, a forma di tempietto accanto alla basilica di San Francesco, che ospita le spoglie del celebre poeta, illuminate da una lampada che arde perennemente.
  • La casa di Francesca da Polenta, conosciuta come Francesca da Rimini: non vi viene in mente? Se vi dico che proprio lei, assieme all’amante Paolo, furono cantati da Dante nella Divina Commedia? “Amor , ch’a nullo amato amar perdona”… la casa della giovane si trova in piazza Andrea Costa nell’attuale sede dell’albergo Cappello.
  • Passate attraverso le numerose porte del centro storico di Ravenna, ultimi baluardi della cinta muraria.
  • Poco fuori da Ravenna, appena a 2 km dal centro storico, si trova la basilica di Sant’Apollinare in Classe, con altri splendidi mosaici.

Piadina romagnola artigianaleSe siete a dieta, per qualche giorno a Ravenna dimenticatevela! I piatti tipici della zona sono tutti buonissimi ma, ahimè, super calorici. Però se avete camminato tutto il giorno in spiaggia e pure la sera visitando la città, potete concedervi la pasta fresca come i cappelletti e le tagliatelle, carne e pesce e per dolce la crema di Ravenna. Uno spuntino al volo tra un monumento (o un tuffo) e l’altro? La piadina artigianale è il pezzo forte della cucina romagnola. Assaggiatela con squacquerone, affettati e verdure grigliate: non ve ne pentirete! Chiedete la cartina degli Itinerari del gusto all’Ufficio Informazioni di Ravenna: vi sono indicati i posti tipici della città in cui mangiare bene, ed esibendo la mappa al momento del conto avrete dal 5 al 15% di sconto.

Per abbinare a tutta questa ricca offerta culturale un po’ di sano relax, il mar Adriatico distante solo 8 km dalla città è l’ideale! Nei pressi di Ravenna ci sono infatti diversi lidi: i più tranquilli, come il lido di Dante, lido Adriano, Marina di Ravenna, i lidi di Classe e di Savio, quelli più verdi del Delta del Po nei pressi di Comacchio, oppure a 50 km si raggiunge Rimini e la sua vita notturna.